Tartufi al mascarpone e cioccolato

Tartufi al mascarpone e cioccolato

I tartufi al mascarpone e cioccolato, sono dei cioccolatini a base di cioccolato fondente, uova, burro e rotolati nel cacao amaro in polvere. Si presentano come palline, ma talvolta sono un po’ imperfette e somigliano ai tartufi veri, quelli che troviamo nel bosco. Di solito contengono uova e burro, questi invece sono realizzati con il mascarpone, restano morbidissimi e si sciolgono in bocca. Inoltre sono semplicissimi da fare e occorrono pochi ingredienti per realizzarli.  

Se amate i tartufi di cioccolato, nel blog potrete trovarne diverse versioni. I miei preferiti sono quelli al cioccolato fondente e caffè Moka e quelli al cioccolato fondente, panforte di Siena e sale Maldon.

Tartufi al mascarpone e cioccolato

Tartufi mascarpone e cioccolato

Architettando in cucina
Porzioni 40 tartufini da 8 g circa

Ingredienti
  

  • 200 g di cioccolato fondente al 70%
  • 100 g di mascarpone
  • 40 g di zucchero a velo
  • 75 g di cacao amaro ne avanza molto, ma utile l’abbondanza per facilitare la copertura

Istruzioni
 

  • Fondere il cioccolato fondente a bagnomaria o nel micro onde. Se il cioccolato è in tavoletta, occorre tritarlo prima. Far raffreddare il cioccolato fuso e quando è freddo aggiungere il mascarpone e lo zucchero a velo. Mettere in frigo il composto per 2 ore. Trascorso questo tempo, con un cucchiaino, prendere 8 g di composto e rotolarlo tra le mani, fino a formare una pallina. In un contenitore basso, inserire il cacao, adagiare la pallina formata e farla rotolare bene nella polvere. Inserire il tartufo formato in un pirottino da cioccolatini. Continuare così finché tutto il composto non è finito.
  • Con questo quantitativo, sono venuti 42 cioccolatini, ottimi anche per fare un piccolo regalo, basterà inserirli in una scatolina e mettere un bel fiocco.
Tartufi mascarpone e cioccolato

2 commenti su “Tartufi al mascarpone e cioccolato”

  1. Architettando in cucina

    Esattamente non lo so, ma si conservano sicuramente per 15 giorni in frigo (sperimentato con 2 che erano rimasti nascosti nel mio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *