Salati

Pappardelle al sugo finto

Le pappardelle al sugo finto sono un piatto della cultura contadina, frutto dell’arte di arrangiarsi e della genialità delle massaie che dovevano cucinare per molte persone con poche materie prime. Inoltre, dovevano anche rendere appetitosi i piatti quotidiani realizzati solo con verdure e cereali, dato che la carne si riservava alle occasioni speciali. La cucina toscana tradizionale, è una cucina povera, ma con piatti davvero gustosi, perché frutto della sapienza antica di esaltare le materie prime a disposizione. Perciò queste pappardelle sono così buone e sono da fare adesso, in piena estate, quando i pomodori e le verdure dell’orto sono al meglio. La piena maturazione dei prodotti, infatti dona un …

Pappardelle al sugo finto Leggi tutto »

Pomodori ripieni di riso alla romana

I pomodori ripieni di riso alla romana, sono un piatto tipico della cucina estiva capitolina e si trovano in tutte le rosticcerie della città e in molti ristoranti. In realtà si cucinano molto anche nelle famiglie romane, anche perché, sono facili da fare e molto gustosi. Sono leggeri e costituiscono un piatto unico davvero indicato per l’estate. Sono anche senza glutine e adatti ai vegetariani e vegani. Di solito piacciono anche ai bambini, così diventano un piatto adatto ad accontentare tutti i gusti. A differenza di altre verdure ripiene, questi pomodori non richiedono alcuna precottura. Il riso viene fatto riposare per una mezz’oretta nella polpa di pomodoro, poi con questo …

Pomodori ripieni di riso alla romana Leggi tutto »

Fiori di zucca ripieni e fritti

Oggi è la giornata dei fiori di zucca per il Calendario del Cibo Italiano e quale miglior modo di festeggiarla se non fare i fiori di zucca fritti? I fiori di zucca  sono colorati, poco calorici e si prestano moltissimo alla realizzazione di antipasti e finger food davvero gustosi. Tempo fa ne ho preparata una versione in forno (la ricetta la trovate qui), ma come dice il proverbio “fritta è buona anche una scarpa”, figuriamoci i fiori di zucca, se poi volete proprio esagerare, inserite all’interno della ricotta freschissima ed un filetto d’acciuga. Fatti così diventano un piatto irresistibile!

Spaghetti con melanzane grigliate

Dire spaghetti con le melanzane grigliate, non definisce questo piatto, perché le melanzane non sono l’ingrediente principale, ma uno dei tanti. Così tanti che in realtà rappresentano una rosa di possibilità. Mi spiego meglio: lungi da essere un’insalata di pasta o una pasta fredda, cosa che io detesto con tutto il cuore, questa è una pasta calda, leggermente mantecata in padella, come ho descritto nel post della cacio e pepe, ma contiene elementi crudi.  Cioè, il condimento è composto da una salsa fatta da olio extra vergine d’oliva, aglio fresco, prezzemolo e capperi tritati finissimi emulsionata con l’acqua di cottura della pasta.  In questo condimento si inseriscono gli spaghetti scolati, …

Spaghetti con melanzane grigliate Leggi tutto »

Pollo alla marocchina in vaso cottura, uno stufato in 6 minuti

Un pollo alla marocchina, cioè uno stufato che di solito si cuoce a lungo nella tajine (il tegame di terracotta apposito con il coperchio a cono) realizzato in 6 minuti? Non è possibile! E invece s^, con la tecnica della vasocottura. Lo spunto per questa ricetta viene dall’MTC, che in questo periodo forzatamente casalingo, ha ripreso la sua attività, con sfide tematiche sempre più difficili. L’ultima è quella del pollo cucinato con una ricetta straniera, ma con un twist. Cosa significa? Che si parte dalla ricetta e si stravolge, si italianizza oppure come ho fatto io, si realizza esattamente, stessi sapori identici, ma con altre tecniche. Per chiarire ho realizzato …

Pollo alla marocchina in vaso cottura, uno stufato in 6 minuti Leggi tutto »

Bruttiboni con la crema al Vinsanto

Oggi una ricetta tradizionale dei conventi: i Brutti Boni con la crema al Vinsanto, detti anche mandorlati di San Clemente. Santa Caterina da Siena Oggi è ricorre l’anniversario della morte di Santa Caterina, nata a Siena nel 1347, la santa che si è dedicata per tutta la vita all’assistenza dei bisognosi con fede e determinazione incrollabile. A differenza di tante fanciulle dell’epoca e anche nei secoli successivi, non ha mai vissuto in convento, sorte che invece subirono molte figlie di nobili e famiglie benestanti che, a causa del diritto di maggiorascato, ovvero il diritto per cui era il primogenito maschio ad ereditare il patrimonio familiare, le poverette, si vedevano costrette …

Bruttiboni con la crema al Vinsanto Leggi tutto »