mercoledì 19 dicembre 2012

Petto di anatra farcito

Oggi vi presento un classico della cucina toscana rivisitato da me: il petto di nana farcito.
Non ho sbagliato a scrivere ... l'anatra in Toscana si chiama "nana"... 
La nana è un piatto fantastico, anche semplicemente arrosto nel forno, ma per le feste la tradizione la vuole farcita, per arricchire il piatto ... oggi vi presento solo il petto farcito, ma un piatto degno del pranzo di Natale, o del Cenone di Capodanno.
Tradizionalmente si riempie di castagne, ma questa versione è veramente molto gradevole.
Un ripieno a base di zucca e scarola,  tipicamente invernale, ulteriormente insaporito da un fantastico lardo di Cinta Senese.

Qui devo fare una nota: questo non è un lardo qualunque! E' il LARDO TENUTA DI PAGANICO, ricavato da maiali di Cinta Senese allevati allo stato brado. 
Tagli grassi dell'animale, vengono salati velocemente e dopo qualche giorno spazzolati e lasciati a macerare con un trito di aromatico di macchia (ginepro, alloro, rosmarino e pepe) per circa 2 settimane e stagionati poi per almeno un mese e mezzo... avete idea dei profumi che può sprigionare questo lardo??? Per non parlare del sapore!!!
Potete trovarlo qui!
Questo piatto sarà davvero degno delle vostre feste di Natale!

Se volete altre idee per secondi piatti da fare nelle feste potete guardare qui.



Ingredienti per 4 persone:
  • 400 g di petto di anatra con la pelle
  • Il succo di mezzo limone
  • 50 g di rigatino o lardo di Cinta Senese
  • 1 fetta di zucca di circa 150 g.
  • 1/2 scarola
  • Sale
  • Pepe
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 rametto di rosmarino
  • Alcune foglie di salvia

Preparazione:
Lavare il petto e fiammeggiare accuratamente dalla parte della pelle.
Dividere il petto in fette senza staccarle del tutto.


Salare e pepare internamente.
Intanto pulire la scarola, lavarla e cuocerla a vapore per 10 minuti.
Pulire anche la zucca e cuocerla a vapore, 10 minuti.
Far raffreddare le verdure, affettare finemente il rigatino e farcire.


La prima parte (opposta alla pelle) con il rigatino, poi con la scarola e ultima la zucca.
Legare accuratamente la carne per impedire al ripieno di uscire.




Scaldare un tegame antiaderente e adagiarvi il petto dalla parte della pelle, senza aggiungere olio o burro.
Far cuocere a fiamma sostenuta, fino a far sciogliere il grasso, quindi girare e cuocere dall'altra parte.
Una volta chiusi i pori della carne su tutti i lati, bagnare con 1/2 bicchiere di vino bianco secco, lasciar evaporare, poi abbassare la temperatura, salare e pepare da tutti i lati, aggiungere 2 spicchi di aglio in camicia leggermente schiacciati, alcune foglie di salvia ed un rametto di rosmarino.
Portare a cottura rosa.
Servire la carne affettata con il suo fondo di cottura.


Con questa ricetta partecipo al contest di L'Ennesimo Blog di Cucina, CRE-AZIONI IN CUCINA, di dicembre.

http://www.lennesimoblogdicucina.com/2012/12/cre-azioni-in-cucina-dicembre.html


2 commenti:

  1. Capperi che meraviglia ! terrò presente senz'altro per Natale, così cambio qualche cosa.
    Buona serata
    Mandi

    RispondiElimina
  2. Ciao Rosetta, è un piatto facile, ma di sicuro effetto sugli ospiti ...
    Un bacione, a presto!

    RispondiElimina