dolci regionali

La torta sbriciolona gluten free con crema al cioccolato è molto vicina alla torta sbriciolona tradizionale, che anticamente era realizzata unicamente di farina di mais. Quindi è una torta naturalmente gluten free. Perché oggi, ogni volta che c’è da organizzare un pranzo, una cena, l’aperitivo, bisogna sempre preoccuparsi che nessuno degli ospiti abbia allergie o intolleranze. Una volta si chiedeva se c’erano cibi che uno proprio non gradiva (per galateo). Oggi è una necessità per non minare la salute dei propri ospiti(l’intolleranza al glutine) è una delle più gravi e diffuse, pertanto sto facendo alcuni dei dolci che preferisco in chiave gluten free e che vi assicuro sono fantastici! Gluten […]

Oggi è la festa del papà, anzi in toscana è la festa del babbo! Così ho fatto una torta per il mio golosissimo babbo!!! E’ il miglior regalo per lui … sempre!!! Indipendentemente dalle occasioni!!! Avrei potuto fare qualunque tipo di torta, lui non ha neanche preferenze!!! Questa però è veramente una torta fantastica! E’ una rivisitazione in chiave “albesca” (la madre del mio compagno) della famosissima torta sbrisolona, dolce tipico del mantovano. Sarebbe una torta fatta con la farina di mais, invece lei la fa con il grano duro, ma è talmente buona che la propongo così com’è! Anzi una piccola modifica: la torta sbrisolona mantovana è bassa bassa

Quando ero bambina, se capitava di andare a Siena, mia madre raccomandava di passare da Nannini a prendere una pinolata senese. Nannini (proprio lui il babbo della ormai famosa Gianna) era  al tempo un famosissimo pasticcere senese che annoverava tra le specialità della tradizione: la pinolata senese. Si tratta di una crostata con la frolla montata e i pinoli, accuratamente riempita di crema pasticcera ed uvetta. Era un dolce meraviglioso che finiva in un baleno. Poi io sono cresciuta, il Nannini è invecchiato, i figli hanno fatto altro nella vita e le sue pasticcerie affidate a persone diverse dalla famiglia. Adesso uno dei dolci mitici della mia infanzia, non è

Una torta tipica toscana, direttamente dai boschi dell’Appennino e dalle loro dolcissime castagne, un dolce semplice per la merenda, la colazione o come base da farcire…  E’ adattissima per essere riempita di creme per la sua consistenza morbida e umida.  La farina di castagne la rende morbida e profumata … ideale per uno spuntino. Ingredienti : 240 g di farina di castagne 60 g di cacao amaro 125 g di zucchero 5 uova 1 bustina di lievito 300 ml di latte fresco Preparazione: Sbattere con uno sbattitore elettrico (oppure a mano) le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso. In una ciotolina mescolare cacao e lievito setacciati.

I budini di riso fiorentini sono un pezzo importante della mia infanzia, hanno accompagnato tante ore felici e spensierate e mi piacciono ancora tanto come allora. Abito da sempre in una cittadina del Chianti senese e come in tutti questi piccoli centri, non è che negli anni ’70 ci fosse tutta questa scelta di pasticcerie. In realtà quando ero bambina, ce n’era una sola. La “viennoiserie” di provincia La scelta di quella che oggi chiamiamo “viennoiserie” e che a quei tempi indicavamo semplicemente come “paste”, verteva sì e no, su una decina di tipi diversi. C’era la brioche, vuota, semplice oppure con la marmellata di albicocche, i bomboloni rigorosamente solo