Il Pecorino Toscano Dop

Andrea Righini, direttore del Consorzio Pecorino Toscano dop ci illustra un antico caseificio
Una giornata al Caseificio sociale di Manciano, dove si produce il Pecorino Toscano Dop, raccontata attraverso le immagini.
Il latte munto nelle varie aziende che appartengono al Consorzio del Pecorino Toscano Dop, arriva refrigerato a 4°C direttamente alla produzione nel caseificio, analizzato per il controllo qualità e portato a 37°C. 
E’ il momento di aggiungere il caglio.

Dopo circa 20 minuti, l’operatore rompe la cagliata.

La cagliata viene inserita nei contenitori appositi e portata in locali caldi e ricchi di umidità.

Dopo alcune ore le forme vengono passate nella salamoia.

Le forme di pecorino pronte prima della stagionatura

Stagionatura su grate in acciaio

Stagionatura sulle assi di legno

 Con il siero e l’aggiunta di panna si fa la ricotta


Il logo

 Grazie al Caseificio Sociale Manciano e al presidente Carlo Santarelli, grazia anche al Consorzio Pecorino Toscano dop ed al suo direttore Andrea Righini per l’ospitalità e la cortesia.

4 commenti su “Il Pecorino Toscano Dop”

  1. Il pecorino toscano è una grande specialità italiana. A Manciano difficilmente ci arrivo, invece non mi faccio mai mancare il pecorino della Val d'Orcia quando mi capita di andare in quella zona. Un saluto carissimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.