domenica 14 febbraio 2010

Pappardelle al ragù di cinghiale

Lo so che oggi è San Valentino e che la cosa non è proprio leggerissima ... ma mi hanno regalato un pezzo di cinghiale... cosa dovevo fare, buttarlo??? Non esiste!!!! Allora ho cucinato un bel ragù e ci ho fatto pure le pappardelle fatte in casa ... una vera squisitezza!!! Questa ricetta me l'ha passata una grandissima cuoca ... Grazie Alba!!!



Ingredienti per 4 persone :
Per il ragù:
  • 200 g di polpa di cinghiale (pesata già pulita e sgrassata)
  • 1 cipolla
  • 1 costa di sedano
  • 1 carota
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 cucchiaio di aghi di rosmarino tritati finissimi
  • 1 mazzetto di salvia
  • Alcune bacche di ginepro
  • Un pizzico di timo anche secco
  • Un pizzico di maggiorana
  • Un bicchiere di vino rosso (Chianti Classico)
  • Concentrato di pomodoro (un paio di cucchiai)
  • Olio extra vergine di oliva
  • Pepe
  • Sale
  • Brodo di carne
Per le pappardelle:
  • 100 g di farina di semola di grano duro
  • 100 g di farina 00
  • 1 pizzico di sale
  • 1 filo di olio extra vergine di oliva
  • 4 tuorli
  • 1 uovo intero


Preparazione:
Per il ragù:
Tagliare il cinghiale in piccoli pezzi.
Preparare una dadolata finissima di tutte le verdure ed erbe aromatiche.
In una casseruola scaldare l’olio e rosolare bene la dadolata, aggiungere la carne e rosolare anche questa.
A rosolatura completata, aggiungere il vino rosso.
Lasciare evaporare, girando spesso, salare e pepare.
Quando il vino è evaporato aggiungere il concentrato di pomodoro (io ho aggiunto il mio, che ho preparato in estate con i pomodori portati dalla Costiera Amalfitana).
Bagnare quindi con il brodo e cuocere facendo sobbollire per un paio d’ore,
aggiungendo il brodo di tanto in tanto.
Quando la carne è cotta, toglierla dal sughetto e tagliarla a coltello (o con la mezzaluna).
Una volta tritata la carne di cinghiale, aggiungerla di nuovo al sugo e lasciar insaporire ancora 10 minuti.

Per le pappardelle:
In una ciotola mescolare le 2 farine ed il sale, fare la fontana ed aggiungere le uova, e l’olio.
Lavorare bene fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.
Lasciar riposare l’impasto almeno 15 minuti in frigo.
Stendere la pasta con il matterello, far asciugare alcuni minuti poi arrotolare la sfoglia e tagliarla a fette di cm 1,5 di larghezza.
Formare dei nidi e lasciare asciugare ancora un po’.

Presentazione :
Una volta pronto il tutto, cuocere le pappardelle in acqua bollente per 2 minuti, scolarle e condirle con parte del ragù di cinghiale.
Presentare il piatto accomodando le pappardelle nei piatti, aggiungendo un paio di cucchiai di salsa ed eventualmente guarnendo con le erbe aromatiche utilizzate.



6 commenti:

  1. Ciao Sabrina piacere di conoscerti, stavo proprio leggendo il tuo blog, sai che ho in congelatore da un bel po' di cinghiale regalatomi da mia suocera, ma non so affatto come prepararlo, dai noi non si usa molto prepararlo e buttarlo mi scoccia molto. Complimenti per questo ragu', magari una parte posso usarla per questo.
    A presto.
    Sandra

    RispondiElimina
  2. Che buoneeeee!!!!
    E' tantissimo tempo che non le mangio, mi hai fatto venire una voglia.....
    le preparerò al più presto!!
    Ciao, Laura.

    RispondiElimina
  3. Ciao Sandra,
    provalo è fantastico...nei prossimi giorni pubblicherò altre ricette con il cinghiale, perchè anch'io ne ho ancora...torna a trovarmi

    RispondiElimina
  4. Ciao , sono Serena, sono contenta di aver scoperto il tuo blog, ricettine veramente interessanti! Adoro il cinghiale, come anche cervo e capriolo e mi piace molto la cucina toscana in generale! Ogni anno in primavera ci facciamo un week-end da quelle parti, non vedo l'ora di gustare i vostri ottimi sapori toscani!
    Penso prorpio che passerò spesso a farti visita!
    Ciao ... Serena

    RispondiElimina
  5. ciao!il piatto è molto invitante! confesso che la carne di cinghiale non l'ho mai assaggiata..però vedo che il piatto è super! lo tengo presente!! ciaooooooo

    RispondiElimina
  6. Ciao Sabrina! Vedo che anche te sei toscana... che belle ricette, una più buona dell'altra, queste pappardelle poi!
    Anch'io ho un pezzo di cinghiale nel congelatore che aspetta di essere cucinato, una di queste domenica lo farò!
    Per ora ti saluto...Tornerò presto a trovarti sono diventata tua sostenitrice!
    Ciao!

    RispondiElimina