La torta soffice di zucca e mandorle per il Calendario del Cibo Italiano

Oggi è il 31 di ottobre e secondo il Calendario del Cibo Italiano, è la giornata della zucca, della quale sono ambasciatrice. Quindi passate anche dal sito dell’Associazione Italiana Food Blogger per leggere il mio articolo con notizie e curiosità su questo buonissimo ortaggio.

La zucca in inverno per me è come la coperta di Linus, quando non so cosa cucinare, è sempre una risorsa per primi piatti, contorni, piatti vegetariani e perfino per i dolci. Per chi non seguisse sempre questo blog, in fondo lascio i link di tutte le ricette con la zucca come ingrediente, per festeggiare al meglio questa giornata.

Ma intanto passiamo a quella nuova, la torta soffice di zucca e mandorle. E’ un dolce da credenza morbido, soffice adatto per la colazione, la merenda o l’ora del thè. Questa torta fa parte delle prove che sto facendo per il compleanno della mia nipotina (la figlia di mia sorella) Emma. La bimba in questione farà 2 anni a fine novembre e per quella data voglio farle la torta da portare all’asilo per i festeggiamenti con i compagni. Trattandosi di una bimba piccola, vorrei fare una torta semplice fatta di cose buone. Inizialmente pensavo ad una torta di carote, ma è dallo scorso anno che conservo questa torta trovata qui e mi sembrava proprio l’ora di provarla.

Emma è una bambina fantastica, gioiosa, solare con gli occhi che ridono, molto estroversa e simpatica. Ha dato alla mia famiglia, fatta solo di gente adulta, segnata da terribili perdite, quella serenità che solo i bambini piccoli sanno portare. Quando la guardo giocare, torno indietro nel tempo, a quando erano piccoli i miei figli e facevo le torte per loro. Era sempre una festa, soprattutto prepararla e restare a distanza di sicurezza a guardarla cuocere nel forno. Mentre la torta lievitava sgranavano gli occhioni e puntavano le piccole dita cicciottelle, in direzione del forno: “Aiuto esce tutta!” urlava Niccolò correndo per tutta la cucina con un misto di paura e gioia. La sorella lo rincorreva senza capire il perchè: ma lui era quello “grande” e quindi lei lo seguiva a prescindere. Poi sfornando la torta li tenevo a distanza di sicurezza e dicevo “Brucia, brucia”. Niccolò ripeteva “Brucia, brucia!” e Margherita soffiava con energia per scongiurare ogni pericolo. Il taglio della prima fetta era il coronamento di tanta attesa: la gioia nei loro occhi, la mia vera soddisfazione. Allora erano i miei bambini, piccoli e teneri. Oggi è Emma a darmi queste piccole gioie. Ho mandato a mia sorella una foto di una fetta di  questa torta e ho scritto: “Ho una fetta di torta per una bambina brava”. Dopo 3 secondi mi squilla il telefono: “Emma è brava!” ha detto! Mi sono sciolta come neve al sole!

Ingredienti:

  • 250 g di polpa di zucca cruda (ho scelto una zucca mantovana dalla polpa soda e asciutta)
  • 100 ml di olio di semi (io extra vergine di oliva monocultivar di Casaliva del Garda)
  • 80 ml di latte fresco
  • 230 g di zucchero
  • 4 uova biologiche
  • 280 g di farina 00
  • 120 g di mandorle biologiche tritate finemente
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • la scorza grattugiata di un’arancia
  • i semi di una bacca di vaniglia
  • 30 ml di rum bianco (la ricetta prevedeva Cointreau, ma non ce l’avevo)
  • 1 pizzico di sale dolce di Cervia 

Preparazione

Tagliare la zucca a dadini piccoli ed inserirla nel mixer con l’olio ed il latte. Frullarla fino a ridurla in purea. Separare in 2 ciotole diverse albumi e tuorli. Montare i tuorli con lo zucchero, finchè non saranno diventati bianchi e spumosi. Unire la purea di zucca, il rum, la scorza grattugiata dell’arancia ed il sale con le fruste elettriche. A mano aggiungere farina e lievito setacciati insieme e le mandorle tritate. Incorporare delicatamente gli albumi montati a neve ferma con movimenti dal basso verso l’alto. Versare il composto in uno stampo a ciambella diametro 26 cm o in uno rotondo pieno da 24 cm, imburrato ed infarinato e cuocere per 50 minuti a 170°. Fare la prova dello stecchino. Sfornare e lasciare la torta nello stampo per allmeno 20 minuti. Sformarla e lasciarla raffreddare completamente su una gratella. Trasferirla nel piatto di servizio polverizzando la superficie di zucchero a velo.

A seguire le mie ricette con la zucca:

4 commenti su “La torta soffice di zucca e mandorle per il Calendario del Cibo Italiano”

  1. Credo che questa torta di zucca sia molto simile a quella fatta da mia figlia che ho mangiato proprio ieri. C'erano le mandorle tritate e c'era la scorza ed il succo d'arancia. Era buonissima, come la tua suppongo! Un abbraccio

  2. Architettando in cucina

    Ciao Andrea, non ho inventato nulla, ma la vidi lo scorso anno e poi non avevo avuto il tempo di provarla; è davvero buonissima!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *