Mese: Marzo 2020

I quaresimali fiorentini, i biscotti senza grassi

A Firenze nel periodo di quaresima, da oltre un secolo, appaiono nelle pasticcerie questi biscotti al cacao fatti a forma di lettere dell’alfabeto, che si chiamano appunto Quaresimali. Sono due le versioni sulla loro nascita nel XIX secolo. La prima racconta di un convento tra Firenze e Prato, dove le monache avevano ideato una ricetta “di magro” (cioè senza grassi e tuorlo d’uovo) per dei dolcetti gustosi, da consumare in Quaresima e fatti a forma di lettere dell’alfabeto, a ricordare la “parola di Dio”. Più verosimilmente, questi biscotti sono una creazione della fabbrica Digerini Mariani, di Firenze  che li produsse dai primi anni del Novecento. Alla chiusura della fabbrica, un’operaia …

I quaresimali fiorentini, i biscotti senza grassi Leggi tutto »

Apple Cinnamon Pull apart bread – Pane brioche a fette con mele e cannella

Nessuno di noi ha mai affrontato una situazione simile. Privati della libertà personale da un virus! Dalla mattina alla sera catapultati in una vita irreale che non è la nostra e che non abbiamo scelto. Durante la crisi economica del 2008, mi sono fatta spesso la domanda: se avessi fatto altre scelte, come sarebbe adesso la mia vita? Mi riferivo alla condizione economica, naturalmente, ma non solo. Adesso, per quante domande possa farmi, ho sempre e solo la tristissima convinzione, di non essere padrona della mia vita. Le mie scelte in questo momento non avrebbero minimamente influito sulla condizione attuale. Questa consapevolezza mi turba molto, sono sempre stata una fan …

Apple Cinnamon Pull apart bread – Pane brioche a fette con mele e cannella Leggi tutto »

Petit beurre fatti in casa e sentirsi come Proust

I petit beurre, li ho sempre mangiati, in particolare da bambina, ovviamente quelli industriali, ma adesso, non sono una grande consumatrice di biscotti, i figli sono cresciuti, quindi in casa mia non ci sono mai. Recentemente però, durante un viaggio a Parigi, li ho visti in una boulangerie, erano stati appena sfornati ed ho deciso di acquistarne qualcuno. Appena ho aperto il sacchettino, il profumo mi ha catturata e il primo morso di quel biscotto, mi ha fatto lo stesso effetto delle madeleines  a Proust, sono stata catapultata nella mia infanzia all’ora di merenda. Quella magica croccantezza si sposava con il tè, che assorbiva lentamente senza sfarsi ed un incredibile …

Petit beurre fatti in casa e sentirsi come Proust Leggi tutto »

Crostata cheese cake ai lamponi ispirata al maestro Stefano Laghi

Stare sempre in casa per l’emergenza corona virus, mi fa passare tantissime ore in cucina. Adesso anche insieme a mia figlia che è tornata a casa, perché anche la sua, come tutte le scuole, è chiusa. Però insieme facciamo davvero un sacco di cose buone da mangiare: come questa torta del maestro Stefano Laghi. In realtà lei fa la pasticciera e io faccio le foto, scrivo e anche imparo un sacco di cose. La crostata cheese cake mi ha intrigata subito. Una cheese cake cotta dentro un guscio di frolla montata, gelatina di lamponi, un disco dacquoise, una cascata di streusel e per finire lamponi ripieni di gelatina. La nostra …

Crostata cheese cake ai lamponi ispirata al maestro Stefano Laghi Leggi tutto »

Torta con gli scarti dell’estrattore, perché il cibo non si butta

Chi ama i succhi di frutta freschi fatti con l’estrattore, prima o poi si pone la domanda di come usare gli scarti, in particolare quelli senza “difetti”. Ad esempio, se faccio un succo di mirtilli, gli scarti li passo più volte finché non restano solo i semini, che sono fastidiosissimi e ovviamente lo scarto lo butto. Se invece faccio un succo di agrumi, avendo cura di togliere i semi, lo scarto può essere riutilizzato.  In questo caso ad esempio ho fatto un succo di mirtilli per realizzare una gelatina e con gli scarti ho realizzato la torta. Rispetto alla centrifuga, l’estrattore, non scalda il prodotto, quindi non rovina le vitamine …

Torta con gli scarti dell’estrattore, perché il cibo non si butta Leggi tutto »

Le pappardelle al ragù di nana, un piatto toscano da non perdere

Intanto, per favore non chiamatela “anatra” che qui in Toscana non si può sentire! Chiamare questo piatto “pappardelle al ragù di anatra”, fa venire in mente un piatto da gastrofighetti che tolgono il grasso al prosciutto di Cinta. Invece queste pappardelle, sono un piatto robusto e conviviale, per i giorni di festa, in particolare per le feste dei grandi lavori agricoli e diciamocela tutta, pieno zeppo di calorie, così come di gusto. Quindi se siete a dieta, passate oltre, ma se volete essere felici, provate questo piatto, perché il godimento è assicurato. Poi siccome vi voglio bene, vi lascio la mia versione, non quella di mia nonna: sul suo ragù …

Le pappardelle al ragù di nana, un piatto toscano da non perdere Leggi tutto »