venerdì 17 febbraio 2017

Gli gnocchi, il cavalier, l'arme, il convento parte VIII

Qui da Annalena de Bortoli del blog Acquaviva scorre per la puntata precedente

Non resistette alla tentazione di sbirciare oltre la spalla dell’artista mentre dipingeva. La curiosità l’avrebbe ucciso, gli diceva sempre Fra Camillo, il suo padre spirituale: ma in questo caso non sembrava pericoloso.
Il frate davanti alla tela, dava pennellate decise, sicure, che pian piano delineavano la pietanza. Strano a dirsi, ma il quadro che l’artista dipingeva erano gnocchi. Dei bellissimi, succulenti, gnocchi di patate, conditi con una crema liscia e morbida. Solo a guardarli facevano venire l’acquolina in bocca.
Su un tavolo davanti a lui, stava il piatto che l’artista stava immortalando. “Fratello, non avete gradito gli gnocchi?” Si preoccupò uno dei frati. “Li abbiamo preparati per voi apposta, sapendo che venivate da lontano” . “Ma no, fratello, mi creda, è l’esatto contrario. La pietanza mi è sì grata, che la sua bontà merita di essere ricordata e pertanto ho pensato di farne ritratto.”
La luce della finestra, colpiva gli gnocchi, mettendone in risalto la morbida rotondità. Le tonalità del bianco, del giallo e del nocciola, si fondevano cremose, alle piccole sfere di patata che racchiudevano come uno scrigno, un ripieno succoso. Una piccola sfera era stata morsa dall'artista e stava facendo colare sul piatto un rivolo di ripieno morbido e colorato di mele candide e cipolle rosso/violacee. Tutti gli ingredienti sembravano fusi per colore e consistenze in una strana, magica armonia. Erano un concentrato di ciò che la splendida terra Garfagnina, strappata alle montagne, riusciva a produrre e l’artista con sapienti pennellate delle varie tonalità di colore, riportava sulla tela che si animava ad ogni passaggio. Il pennello vagava leggero e riproduceva luci, ombre e colori così come l’occhio semi socchiuso dell’artista li percepiva. La mano riportava fedelmente i segni e poco dopo gli gnocchi apparvero come d’incanto sulla tela.
Il padre priore entrò nella stanza chiamato dai fratelli ad ammirare l’opera e ne fu rapito. Senza pensarci due volte, decise che il confratello sarebbe rimasto loro ospite ed avrebbe eseguito i disegni per il primo ricettario che fosse mai stato scritto, sui piatti del territorio garfagnino. Era un’idea che gli balenava in testa da diverso tempo, ma non l’aveva condivisa con i confratelli, per una sorta di pudore, misto a rassegnazione. Un uomo di Dio che si perde dietro ai piaceri della gola: doveva dare il buon esempio.
Ma quella tela gli aveva dato una prospettiva diversa. Non era indulgere ai piaceri della buona tavola, quanto un modo per rendere grazie al Signore di quelle bontà e lasciare testimonianza storica del territorio, dell’epoca e di come le mani d’oro dei suoi frati, avessero imparato a fare di prodotti poveri come patate, mele e cipolle, dei piccoli capolavori del gusto.
Continua qui, da Mai Esteve del blog "Il colore della curcuma".
Lo so che avete già il telefono in mano per chiamare il più vicino reparto di neuropsichiatria, ma c'è una spiegazione che rende "normale" quanto sopra. Nel mese di novembre ho partecipato ad un Workshop organizzato dalla nostra vulcanica Alessandra Gennaro dell'MTC, coadiuvata sul territorio da Annarita Rossi, (garfagnina doc), tema gli gnocchi, ma occasione per un full immersion in Garfagnana, tra natura, eccellenze del territorio e cucina tipica, con un nutrito gruppo di MTCini.
Il workshop è stata l'occasione per fare un corso di scrittura creativa (on line, i giorni precedenti) e poi un fine settimana immersi nella natura della Garfagnana alla ricerca di prodotti tipici per un workshop di cucina, food styling e fotografia.
Insomma, ne abbiamo combinate delle belle e per non fare tutti lo stesso racconto un po' stile telecronaca, della nostra avventura, ci siamo inventati la storia ambientata nel Medioevo, ma perfettamente rispondente all' itinerario come ben spiegato dal post di Alessandra sul sito dell'MTC
Il nostro cavaliere, in questa storia adombrata di intrighi, deve salvare i preziosi semi autoctoni della Garfagnana, toccando le varie tappe dei luoghi visitati. Naturalmente il tutto un po' romanzato, dove le MTCine, diventano i frati che preparano il pranzo, il food styling, diventa la luce della finestra che colpisce gli gnocchi, la fotografia, diventa quadro, il fotografo diventa pittore. Un modo diverso per raccontare un territorio bellissimo assolutamente da visitare, scoprire, assaggiare.

Ingredienti per 4 persone:

per gli gnocchi
per il condimento
  • 2 melanzane
  • olio extra vergine di oliva
  • sale
  • pepe
  • alcuni cucchiaini di caffè solubile
  • bucce di melanzana

Preparazione

Per gli gnocchi
Bollire le patate con la buccia per 30/40 minuti in acqua bollente. Sbucciarle ancora calde, schiacciarle con lo schiaccia patate ed unirle alle farine setacciate. Formare una palla con l'impasto, quindi ricavarne dei bastoncelli, ritagliarli a pezzetti di 3 cm. Passare gli gnocchi sui rebbi della forchetta per rigarli.

Per il condimento di melanzane
Tagliare la buccia ad una metà della melanzana, a strisce regolari e friggerla in olio. Scolarla sulla carta da cucina e metterla da parte.
Passare le melanzane lavate, direttamente sul fornello dalla parte della buccia. Prenderanno un aroma di tostato ed affumicato. Quindi passarle in forno fino a quando non sono diventate tenere. Toglierle dal forno e scavarle con il cucchiaio, per ricavare la polpa. Passare la polpa con un filo d'olio al frullatore ad immersione, fino ad ottenere una crema. Unire un paio di cucchiaini di caffè solubile. Tenere in caldo.

Per la salsa al caffè 
Amalgamare alcuni cucchiaini di caffè solubile con un cucchiaino di acqua bollente. Inserire la miscela in un biberon da cucina e tenere in caldo.

Impiattamento
Lessare gli gnocchi in acqua salata: quando vengono a galla sono cotti. Distribuire su un piatto da portata la salsa alle melanzane e adagiare sopra gli gnocchi scolati. Distribuire sopra agli gnocchi, la buccia di melanzana fritta e accanto alcune gocce di salsa al caffè.


Questo l'elenco dei post. Mi raccomando non perdetene neanche uno!!!!


22 commenti:

  1. stasera vi leggo tutte/i!
    Che forte questo racconto ... e pure i tuoi gnoccoloni raffinati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gaia! Ci siamo divertite un casino!!! E secondo me ti divertirai anche a leggere i post!!! Poi fammi sapere se ti è piaciuto questo gioco che ci siamo inventate.

      Elimina
    2. rieccomi, ormai son quasi alla fine!! Forte davvero.
      Poi pero' mi tocca rifare il giro per leggere pure le ricette.. che a una certa, senno', perdo il filo della storia ...
      :-)

      Elimina
  2. Il racconto itinerante è pazzesco, solo una manica di svalvolate come noi poteva partorirlo però che bello. Rileggendo tutto e rivedendo le foto mi è venuta una nostalgia pazzesca. Grazie di tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me, mi è venuta una nostalgia incredibile!!! Ma non possiamo fare la versione estiva? Secondo me, con la pioggia che ci è toccata, per la par condicio abbiamo diritto ad una nuova possibilità sotto il solleone! Grazie a te di tutto. Sei stata un'ospite impagabile! Un bacione!

      Elimina
  3. cara Sabrina i tuoi gnocchi sono strepitosi e io posso dirlo per averli assaggiati ;) è stato bello conoscerti e cucinare insieme. anch'io vorrei tornare in Garfagnana con il sole! organizziamo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Flaminia, effettivamente, io li ho adorati questi gnocchi con una punta di affumicato, un non so che di tostatura, il profumo del caffè: davvero molto buoni. Direi di farci promotrici del comitato "Garfagnana again", stiamo alle costole di Annarita e torniamo in Garfagnana a fare il tour estivo!

      Elimina
  4. leggervi tutte, e provare una forte malinconia per voi e per quei giorni così belli e anche spensierati con il diluvio universale ma col sole dentro, è tutt'uno.
    Belli i tuoi gnocchi, e pure di molto boni!!
    Grazie Sabrina, spero si possa ripetere a breve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuliana, questa giornata di amarcord, ci ha fatto rendere conto di quanto la condivisione dell'esperienza, avvicini le persone. Il comitato "Garfagnana again" è ufficialmente fondato!!! Un abbraccio, a prestissimo!

      Elimina
  5. La ricetta è un quadro ma anche una tavolozza dove attingere i colori per creare il capolavoro più bello: l'esperienza vissuta
    Grazie per la tua condivisione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Antonietta per le tue parole. E' importante capire se le persone hanno ricevuto le emozioni che volevi trasmettere. Un abbraccio!

      Elimina
  6. Che meraviglia Sabrina i tuoi gnocchi sono un vero quadro ed immagino buonissimi, come devono essere stati i giorni che avete trascorso fra questi meravigliosi prodotti e territori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manu, sono stati giorni fantastici, la Garfagnana è un territorio davvero magico.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Sabrina!!!! Oggi ho fatto un pieno di nostalia ma anche di gioia e buon umore, e tu di sicuro ne sei stata l'anima vivace che con la tua simpatia e saper fare hai portato ancora piu allegria nel gruppo! Certo la Garfagnana mi ha fato conoscere delle persone stupende!Non sono, delle cuoce cuoche eccezionali e una provà evidente ne sono questi gnochi e come hai allestito il piatto!
    un beso enorme!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao mitica Mai! Tu sei stata una delle fantastiche scoperte fatte in Garfagnana. Ho imparato tante cose per le quali ti sono davvero grata (sai che ho comprato un set di pennelli che uso continuamente?)Ma più di tutto mi ha conquistato la tua simpatia catalana! Un abbraccio di cuore!

      Elimina
  9. che la ricetta mi sia familiare non è una novità... ma come l'hai presentata e impiattata tu non lascia davvero scampo: mi-ti-ca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalena, grazie per i tuoi complimenti. Ma sai che quando l'ho rifatta non ricordavo bene quanto era buona! Siamo state brave!

      Elimina
  10. Che splendida presentazione compagna di camera!!Qui lo dico, questi sono gli gnocchi che mi sono piaciuti di più, anche se scegliere non è una cosa facile. Sono stati due giorni davvero belli, un'esperienza da ripetere al più presto. A presto
    Marta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta, li ho dovuti rifare a casa perché le foto che avevo non erano buone. Ma ho dovuto fare in fretta, perché la truppa di casa mia se li stava scofanando mentre impiattavo. La nostra è stata una bellissima esperienza ed il comitato "Garfagnana again" è già statao formato! Un abbraccio a te e a Chiara.

      Elimina