L’uovo nuvola per il Club del 27

Il tempo scorre in fretta e siamo già al 27 marzo. Vi ricordate cosa succede il 27 di ogni mese? Facciamo le ricette del CLUB DEL 27! Questo mese l’argomento è l’uovo, con ricette per tutte le ore e per tutte le occasioni, tratte dal libro “The perfect egg” di Teri Lyn Fisher e Jenny Park.
Sono ricette per ogni occasione, ma con l’avvicinarsi della Pasqua, quale migliore occasione?  Alcune ricette, sono velocissime, come questa, altre più complesse. Perché effettivamente le uova possono essere la soluzione ad un pranzo o ad una cena veloce, quando non hai tempo e voglia, oppure un piatto sofisticato. Ad esempio per la Pasqua, questo può essere un simpatico antipasto.
Una delle ricette presenti nel libro l’avevo già pubblicata tempo fa e la trovate qui, fatta allora proprio per decorare il tavolo pasquale.
Adesso invece una ricetta velocissima per cena, antipasto speciale o perché no, un brunch: le uova nuvola. Cosa sono? Uova cotte in forno, senza grassi, con l’albume montato a neve. Esteticamente sono davvero belle, queste nuvole di albumi, con il tuorlo al centro cremoso. Un nuovo modo per fare l’uovo all’occhio di bue. La ricetta consiglia per renderle più saporite di aggiungere salsicce passate in padella o pancetta rosolata oppure cipolle bianche a dadini oppure peperone grigliato o erbe fresche tritate. Io ho scelto di aggiungere dei porri saltati in padella.
Ingredienti per 4 persone
  • 4 uova
  • 1 cucchiaio di Parmigiano Grattugiato
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • Pepe macinato al momento
  • la parte bianca di 2 porri (mia aggiunta)
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva (mia aggiunta per cucinare i porri)

Nota: non buttare la parte verde dei porri. Si può utilizzare per tutto, dal brodo al soffritto, dalla frittata al sugo per la pasta.

Procedimento
Tagliare i porri a dadini sottilissimi e cuocerli in padella con 2 cucchiai d’olio extra vergine di oliva, un pizzico piccolo di sale e 4 cucchiai d’acqua. Quando l’acqua è completamente evaporata, trasferire i porri ormai cotti in un piatto e lasciarli raffreddare. 

Nel frattempo preriscaldare il forno a 190° e foderare una teglia da forno con la carta forno. Separare gli albumi dai tuorli. Mettere gli albumi in una ciotola pulita e montarli con le fruste elettriche a neve ferma. Aggiungere il sale, i porri cotti ed il Parmigiano, lavorando con la spatola di silicone delicatamente per non smontare.
Disporre gli albumi montati sulla teglia in 8 mucchietti uguali (circa 1/2 tazza di composto) avendo cura di distanziarli almeno 3 cm. Fare sopra agli albumi una piccola cavità e inserire il tuorlo.
Per albumi e tuorlo ben cotti (il tuorlo è quasi quello dell’uovo sodo) cottura 14-16 minuti. Per avere il tuorlo più morbido cottura 8-10. Per albumi ben cotti e tuorlo completamente fondente, cuocere prima gli albumi per 5 minuti, aggiungere il tuorlo e cuocere altri 5 minuti. 
Appena sfornato, condire con sale e pepe appena macinato e servire caldo.
Nota: dato che ogni forno è diverso, sperimentate la vostra cottura preferita sorvegliando bene, la prima volta che li fate. Io ne ho cotti uno alla volta per trovare il punto giusto che per me è 5+5 minuti, perché il tuorlo mi piace fondente, ma gli albumi devono essere ben cotti. 
Il mio uovo non è bianco esternamente, perché detesto gli albumi poco cotti, ma giocando sul tempo di cottura, si ottiene qualunque cosa, anche l’albume bianco latte.
Il mitico banner per il Club del 27 di Marzo 2018 è questo! Realizzato come sempre dalla mitica MAI ESTEVE

30 commenti su “L’uovo nuvola per il Club del 27”

  1. L'ho provata anch'io e, questo ovetto, mi è piaciuto moltissimo. Poi ho deciso di pubblicarne un'altra, ma il mio uovo nuvola finirà presto sul blog 😉
    Complimenti.

  2. Annarita Rossi

    Ma come hai fatto a far stare così alti i tuorli? i miei in cottura si afflosciavano un pò, ma a te non s'ammoscia nulla, sennò gli dai dei cazzotti. Belline le nuvole vero?

  3. Architettando in cucina

    Ciao Annarita, dato che non sopporto le cose mosce, ho cotto gli albumi 5 minuti, poi ho aggiunto i tuorli ed infornato altri 5. Sul tuo commento si sprecheranno battute per anni lo sai vero?

  4. Architettando in cucina

    Ciao Katia, ti consiglio di provare, a me sono piaciute tantissimo così. Il tuorlo si scalda ma non si rapprende, resta fluido.

  5. L'aggiunta dei porri li rende unici e… no, non la butto via la parte verde, la adoro nella frittata (tanto per restare in argomento uova) 😀

  6. Architettando in cucina

    Sono una accanita sostenitrice della parte verde del porro, delle foglie dei cipollotti, delle foglie delle carote. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *