Bocconcini di petto di pollo alle erbe aromatiche

Ingredienti per 4 persone:
• Un petto di pollo intero
• Un mazzetto di salvia
• Un mazzetto di rosmarino
• Olio extravergine di oliva
• Sale
• pepe

Procedimento:

Tagliare il petto di pollo a dadini (ricordiamoci che l’idea nasce per essere mangiato con le bacchette) e inserirlo in un contenitore da frigo, insieme a diversi spicchi di aglio, ai mazzetti di salvia e rosmarino, pepe ed un po’ di olio extra vergine di oliva.
Lasciarlo nella marinata almeno una nottata (oppure una giornata…è uguale).
Al momento di cucinarlo, tirare fuori il pollo dal frigo.
Preparare una casseruola con olio extra vergine di oliva, 1 spicchio d’aglio, salvia e rosmarino.
Far insaporire l’olio, dopo di che versare i bocconcini e far rosolare bene.
A rosolatura completata, togliere eventuali spicchi d’aglio o erbe aromatiche bruciacchiate,aggiungere la marinata, salare bene e finire la cottura.
Naturalmente si mangia caldissimo con le bacchette cinesi… e poi scarpetta con il pane al sughetto poco cinese, ma buonissimo…

12 commenti su “Bocconcini di petto di pollo alle erbe aromatiche”

  1. WOW!! Ottima!!! Deliziosa!! Anche io sono amante delle erbe in cucina, danno sempre un sapore in più… se volete, la Pro Loco di Pasian di Prato (il mio paese, vicino ad Udine) ha una vasta rassegna di piatti tipici alle erbe…

  2. Architettando in cucina

    Ciao Giovanni,
    ho visto i tuoi link…qui nel Chianti abbiamo delle erbe meravigliose, ma il profumo delle vostre montagne…è ineguagliabile…proprio ieri ero in Carnia, ed ho gustato un magnifico orzotto!!!!Che meraviglia

  3. Già, i sapori di Carnia sono ineguagliabili!! Mai assaggiato i "cjarsons"? A base di ricotta e (in alcune versioni) anche erbe. Spettacolari!!

  4. Architettando in cucina

    Per Giovanni,
    non li ho mai mangiati, ma tra un mesetto torno in Carnia e mi faccio portare da qualche parte dove li fanno…altrimenti che vantaggi ci sono ad essere sempre in giro per l'Italia se non posso assaggiare le squisitezze del posto dove sto lavorando? Hai ristoranti da consigliarmi?

  5. Ce ne sarebbero diversi… Se conosci un po' la Carnia allora non puoi non visitare – ad esempio – Sauris… In una sua frazione (chiamata Lateis), fatta di poche case e ancor meno abitanti, ci sarebbe un posto meraviglioso:
    Riglarhaus. Si tratta sia di un albergo, sia di hotel.
    Altrimenti a Forni di Sopra, poco prima del passo della Mauria (al confine con il Veneto) c'è il Nuoitas. In questi due posti trovi gran parte delle prelibatezze tipiche della Carnia (PS. il Nuoitas è anche più economico dell'altro…).

  6. Architettando in cucina

    Grazie 1000, Giovanni,
    sono ad Ampezzo, perciò sono forse più vicino al Nuoitas, anche se passando ho visto le indicazioni per Sauris…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *