giovedì 11 maggio 2017

Menu gourmet low cost: oggi faccio Petronilla per il Caledario del Cibo Italiano

Immaginate di vivere in povertà. Quella vera intendo, non quella del dopo crisi economica, dove tutti ci siamo impoveriti, ma in realtà nessuno di noi soffre la fame. Immaginiamoci la povertà vera, quella di mia nonna che ogni giorno si ingegnava per mettere a tavola 12 persone con nulla. Dove l'estro tamponava la mancanza di materie prime. Perchè proprio oggi queste riflessioni? Perchè oggi è la giornata di Petronilla per il Calendario del Cibo Italiano, al secolo Amalia Moretti Foggia, che agli inizi del secolo scorso, fu autrice di una vera e propria rivoluzione nelle cucine di tutta Italia. Con lo pseudonimo di Petronilla, la Moretti Foggia, dalle pagine del La Domenica del Corriere, insegna alle donne a cucinare piatti interessanti con poca spesa e soprattutto con le limitazioni dettate dall'autarchia e dalla miseria nel periodo tra le due guerre. Celebrare questa grande personaggio, oggi per me vuol dire mettermi alla prova, ed è per questo che partecipo al Topic contest Menu a 3 euro. Non è facile cucinare con l'occhio al portafoglio per me, ma credo nelle sfide e voglio provarci. Quindi tenendo fermi i punti di una normale cucina casalinga, cioè la classica piccola dispensa con olio, sale, pepe, ed un pizzico di spezie varie, realizzerò un menu 3 portate per 2 persone a meno di 3 €, composto da un apetizer, un piatto principale ed un dessert.
Nota: un personaggio di questo calibro merita un approfondimento che in questo post già lunghissimo, non riesco a dare ma che troverete cliccando qui

L'apetizer



Ingredienti per 2 persone
  • 120 g di ceci lessati, ben scolati
  • Olio extra vergine di oliva
  • 1 cucchiaino di farina
  • 1/2 cucchiaino di zenzero in polvere
  • pepe a mulinello
  • un pizzico di polvere di limone (la ricetta la trovate qui)

Preparazione
Scolare i ceci dall'acqua di cottura e farli asciugare su carta da cucina. Condirli con un filo d'olio extra vergine di oliva, zenzero, sale e pepe. Spolverarli di farina, mescolarli bene ed infornarli a 200° per circa 30 minuti. Toglierli dal forno, spolverarli di polvere di limone, farli raffreddare e servirli.

Analisi dei costi :
  • 40 g di ceci secchi equivalenti a 120 g di ceci cotti - 500 g di ceci € 1,79 costo piatto €0,14
Per un totale di € 0,14 per 2 porzioni


Il piatto principale

Ingredienti per 2 persone


per gli gnudi

  • 250 g di ricotta di pecora
  • 25 g di Parmigiano Reggiano grattugiato  
  • 2 uova medie
  • 500 g di ortica (solo le foglie)
  • 1 spicchio di aglio 
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva 
  • 1 pizzico di sale 
  • un pizzico di noce moscata 
  • un pizzico di zenzero in polvere
  • pepe nero appena macinato 
  • farina di tipo 2 q.b. (circa 100 g)

per la salsa
  • 20 g di burro biologico 
  • 20 g di farina 00
  • 200 ml di brodo vegetale (fatto con 1 pezzetto di carota, 1/2 cipollina piccola e 1/2 costa di sedano)
  • un pizzico di sale
  • un pizzico di pepe
  • un pizzico di curcuma

Preparazione

Per gli gnudi
Come prima operazione far scolare la ricotta, lasciandola sopra ad un colino a maglie sottili con sotto un contenitore per la raccolta del liquido. Tenere tutto in frigo per almeno 4/5 ore, meglio tutta la notte.
Pulire accuratamente l'ortica usando dei guanti per impedire irritazioni della pelle, selezionare solo le foglie, lavarle e metterle in una pentola senza sgocciolarle (l'ortica deve cuocere senza aggiunte di acqua) a fiamma bassa. Far cuocere circa cinque minuti, giusto il tempo che l'ortica si ammorbidisca e lasciar raffreddare.
Strizzare l'ortica dall'acqua di cottura (anche senza guanti, in cottura le proprietà urticanti si perdono) e farla saltare con l'olio e lo spicchio d'aglio per asciugarla ed insaporirla. Aggiustare di sale, lasciar raffreddare e tritare a coltello. In una ciotola, unire la ricotta scolata, il parmigiano grattugiato, l'ortica saltata, il pepe appena macinato, la noce moscata, lo zenzero in polvere, un pizzico di sale e mescolare tutto accuratamente.
In un piatto adagiare la farina ed appoggiarci un po' di impasto, rotolandolo nella farina fino a realizzare delle palline di circa 3 cm di diametro. Man mano che gli gnudi vengono formati appoggiarli su un piatto leggermente infarinato. Far riposare gli gnudi per almeno mezz'ora, in frigo. Estrarli e rotolarli nuovamente nella farina, eliminando quella in eccesso. Intanto mettere a bollire l'acqua in una casseruola bassa e larga. Appena arriva all'ebollizione e calare gli gnudi pochi alla volta e appena vengono a galla scolarli con un mestolo forato.

Per la vellutata alla curcuma
In un pentolino fondere il burro e con la farina formare un roux come meglio dettagliato qui. Versare quindi il brodo vegetale bollente e far addensare sul fuoco mescolando bene. Aggiungere le spezie, salare pepare. Stendere la salsa sul piatto di portata, distribuirci sopra gli gnudi, guarnire con parmigiano a scaglie e gocce di salsa.

Nota: la porzione che si realizza con questa dose, è normale, non è quella fotografata, sono circa 10 gnudi a testa

Analisi dei costi :
  • 250 g di ricotta costo € 0,69 
  • 20 g di Parmigiano Reggiano 24 mesi costo € 9,00 al kg, quindi 20 g = €0,18
  • 120 g di farina costo a kg 0,79 costo per gli gnudi € 0,09
  • 6 uova costano € 1,49 quindi 2 costano  € 0,49
  • 250 g di burro €1,30 quindi 20 g € 0,10
Per un totale di € 1,55 per 2 porzioni

Il dessert



Ingredienti per 2 stampini monoporzione:
  • 80 g di panna fresca
  • 50 g di zucchero semolato
  • 22 g di uovo intero (è circa metà uovo)
  • un pizzico di zenzero in polvere
  • un pizzico di cannella
  • un pizzico di semi di anice
  • 1/2 bacca vuota di vaniglia (cioè dove i semi siano già stati utilizzati per altre preparazioni)

per il caramello
  • 20 g di zucchero semolato
  • 5 g di acqua 
per la salsa
  • caramello avanzato
  • 1 bicchiere d'acqua
per la noce caramellata
  • 1 noce 
  • salsa al caramello (4 cucchiai)
  • 1/4 di cucchiaino di burro


Preparazione
Un paio d'ore prima di iniziare la preparazione, mettere la panna in una ciotolina con le spezie e farla riposare in frigo. Dopo 2 ore, versare la panna in una casseruola, unire lo zucchero e scaldare senza far bollire, mescolando finchè tutto lo zucchero non si è sciolto. 
Preparare il caramello e rivestire gli stampini (qui, qui o qui le descrizioni per prepararlo senza errori e per caramellare gli stampi a dovere). 
Appena caramellati gli stampini, portare ad ebollizione mezzo bicchiere d'acqua e versarlo nel pentolino dove è stato fatto il caramello. Mettere sul fuoco e mescolare accuratamente finchè il caramello attaccato al pentolino non si è sciolto ed ha formato una salsa fluida. Lasciarla addensare sul fuoco, lasciandola però liquida. Così si recupera il caramello che inevitabilmente resta attaccato alle pareti e rende difficile perfino la pulizia dell'utensile. 
In un padellino antiadernte versare 4 cuchiai di salsa al caramello, farla ririrare e quando sarà leggermente solidificata, mescolare il tutto ed unire la noce sgusciata e tritata grossolanamente. Mescolare bene, in modo che i pezzetti di noce siano rivestiti di caramello. In un piatto, adagiare un pezzetto di carta forno e versare il composto, avendo cura di separare i vari pezzi di noce, lasciar solidificare.  
Preriscaldare il forno a 180°. Poi, in un ciotola, sbattere bene l'uovo. Filtrare la panna e versarla sull'uovo. Mescolare bene e versare il composto negli stampini caramellati. Inserire gli stampini in una teglia da forno con il bordo alto e riempirla di acqua fino a metà. Inserire in forno per 25/30 minuti. Verificare la cottura con la lama del coltello. Cioè se inseriamo in un budino la lama del coltello, questa deve uscire pulita. Far raffreddare nell'acqua, poi trasferire in frigo per qualche ora.
Si serve sformato in un piattino, decorato con la salsa al caramello ed i pezzetti di noce caramellati.


Analisi dei costi :
  • 250 g di panna costo € 1,29 per il dolce usati 80 g quindi costo  € 0,41
  • 1 kg di zucchero costo €1,90 per il dolce usati 70 g quindi costo € 0,13
  • 6 uova costano € 1,49 per il dolce usato 1/2 uovo quindi costo € 0,25
  • 1 kg di noci costa € 11,00 quindi 1 noce (20 g) costa  € 0,22
Per un totale di € 1,01 per 2 porzioni

Totale dei 3 piatti € 2,70, quindi sfida vinta.
Si può fare un menu per 2 con solo € 3, occorre solo un po' di fantasia e di arte di arrangiarsi come ci ha insegnato Petronilla.

Quanto sopra fa parte del Calendario del Cibo Italiano




33 commenti:

  1. Questo contest insegnerà tantissimo a tutti! Mi piace tutto del tuo menu, ma il dessert mi fa impazzire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una bella sfida cucinare facendo attenzione al costo, perchè io non lo faccio mai. Non che cucini caviale e foie gras tutti i giorni, ma sinceramente non è una mia priorità. Quindi sicuramente un modo per cambiare prospettiva. Grazie Mariella!

      Elimina
  2. A parte i ceci (non amo i legumi) tutto il resto è fantastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Emanuela, che i ceci croccanti sono spariti, un secondo dopo la foto, sgranocchiati dagli amici di mia figlia, due dei quali non mangiano legumi. Effettivamente non sembrano ceci!!!

      Elimina
    2. confermo. li avevo assaggiati tempo fa e poi non li ho mai più rifatti a casa.. ma vanno via come le patatine,anche da parte di chi non ama i ceci...

      Elimina
  3. Eccole qui le tue 3 fantastiche ricette.
    Vorrei essere seduta davanti alla tv a guardare un bel film, con la coperta sulle gambe e una ciotolina di ceci croccanti.
    Stasera mi sa che li faccio, troppo buoni.
    E poi mi incuriosisce particolarmente il dolce. Una cosa nuova per me, ma le mie bimbe mi sa che apprezzerebbero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente sono troppo uoni e si fanno in un attimo. Solo che danno assuefazione. Prova il dolcino per le principesse, vedrai che apprezzeranno.

      Elimina
  4. Ti stai trasformando da architetto in commercialista! e hai pure risparmiato 30 centesimi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gaia, c'è sempre una prima volta in tutto, ma è un puro caso. Il risparmio ed io abitiamo su due pianeti diversi!!! Ah!Ah!Ah!

      Elimina
  5. E brava Sabrina. Contrariamente a mia moglie a me piacciono anche i legumi per cui buon appetito. Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gianni, ci vediamo in Garfagnana!!!

      Elimina
  6. Avrei voluto tanto partecipare anche io...ma o facevo una cosa o l'altra:) Comunque questa sfida mi stuzzicava moltissimo e sono curiosissima di vedere cosa ne avete tirato fuori :) Iniziamo benissimo!!! Devo dire che davvero non credevo si potessero fare piatti così spendendo così poco! Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente, neanche io. Ho accettato la sfida ed ho vinto!

      Elimina
  7. Quel dolcetto stasera me lo faccio!!! Bellissima proposta

    RispondiElimina
  8. ma sai che anch'io non guardo quasi mai i prezzi??? Dai, allora questo contest ci ha insegnato anche questo. Sfida vinta alla stra-grande, direi! Hai pure risparmiato... oltre ad aver composto un menu che mi sbafo con gli occhi :D . Ciao bellaaaa :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fausta, questo Calendario, ci infila ogni giorno in situazioni diverse ed effettivamente ci insegnano grandi cose. La prossima settimana provo il fermento. Non vedo l'ora!!!

      Elimina
  9. Mi sa che i ceci te li copio adesso. Appena faccio le foto alla mia proposta.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Sabrina ma quanto sei brava???? Il tuo menù è divino!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francy, gira un po' vedrai che in questo contest ci sono bellissimi menu

      Elimina
  12. Oggi abbiamo imparato davvero molto da questo contest... Le tue proposte sono state fantastiche!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessandra, davvero un contest figo!!!

      Elimina
  13. parto da qui per commentare questo contest e trovo già nel primo post tutto quello che avremmo voluto avere e non abbiamo mai osato chiedere... chiedevamo l'eleganza e abbiamo la raffinatezza,chiedevamo un buon bilanciamento e abbiamo l'equilibrio perfetto,chiedevamo un menu che non fosse triste,abbiamo una successione di portate che accende tutti i sensi... come dire,chiedevamo un partecipante e abbiamo la Fattorini... e pure per soli 3 euro! strepitosa,sabri,ma veramente!

    RispondiElimina
  14. Menu molto accattivante il tuo, raffinato ed appetitoso, complimenti! Voglio provare i ceci croccanti mi ispirano da morire :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, fai molta attenzione ai ceci: creano dipendenza! Ah!Ah!Ah!

      Elimina