lunedì 31 ottobre 2016

La torta soffice di zucca e mandorle per il Calendario del Cibo Italiano


Oggi è il 31 di ottobre e secondo il Calendario del Cibo Italiano, è la giornata della zucca, della quale sono ambasciatrice. Quindi passate anche dal sito dell'Associazione Italiana Food Blogger per leggere il mio articolo con notizie e curiosità su questo buonissimo ortaggio.
La zucca in inverno per me è come la coperta di Linus, quando non so cosa cucinare, è sempre una risorsa per primi piatti, contorni, piatti vegetariani e perfino per i dolci. Per chi non seguisse sempre questo blog, in fondo lascio i link di tutte le ricette con la zucca come ingrediente, per festeggiare al meglio questa giornata.


Ma intanto passiamo a quella nuova, la torta soffice di zucca e mandorle. E' un dolce da credenza morbido, soffice adatto per la colazione, la merenda o l'ora del thè. Questa torta fa parte delle prove che sto facendo per il compleanno della mia nipotina (la figlia di mia sorella) Emma. La bimba in questione farà 2 anni a fine novembre e per quella data voglio farle la torta da portare all'asilo per i festeggiamenti con i compagni. Trattandosi di una bimba piccola, vorrei fare una torta semplice fatta di cose buone. Inizialmente pensavo ad una torta di carote, ma è dallo scorso anno che conservo questa torta trovata qui e mi sembrava proprio l'ora di provarla.


Emma è una bambina fantastica, gioiosa, solare con gli occhi che ridono, molto estroversa e simpatica. Ha dato alla mia famiglia, fatta solo di gente adulta, segnata da terribili perdite, quella serenità che solo i bambini piccoli sanno portare. Quando la guardo giocare, torno indietro nel tempo, a quando erano piccoli i miei figli e facevo le torte per loro. Era sempre una festa, soprattutto prepararla e restare a distanza di sicurezza a guardarla cuocere nel forno. Mentre la torta lievitava sgranavano gli occhioni e puntavano le piccole dita cicciottelle, in direzione del forno: "Aiuto esce tutta!" urlava Niccolò correndo per tutta la cucina con un misto di paura e gioia. La sorella lo rincorreva senza capire il perchè: ma lui era quello "grande" e quindi lei lo seguiva a prescindere. Poi sfornando la torta li tenevo a distanza di sicurezza e dicevo "Brucia, brucia". Niccolò ripeteva "Brucia, brucia!" e Margherita soffiava con energia per scongiurare ogni pericolo. Il taglio della prima fetta era il coronamento di tanta attesa: la gioia nei loro occhi, la mia vera soddisfazione. Allora erano i miei bambini, piccoli e teneri. Oggi è Emma a darmi queste piccole gioie. Ho mandato a mia sorella una foto di una fetta di  questa torta e ho scritto: "Ho una fetta di torta per una bambina brava". Dopo 3 secondi mi squilla il telefono: "Emma è brava!" ha detto! Mi sono sciolta come neve al sole!


Ingredienti:

  • 250 g di polpa di zucca cruda (ho scelto una zucca mantovana dalla polpa soda e asciutta)
  • 100 ml di olio di semi (io extra vergine di oliva monocultivar di Casaliva del Garda)
  • 80 ml di latte fresco
  • 230 g di zucchero
  • 4 uova biologiche
  • 280 g di farina 00
  • 120 g di mandorle biologiche tritate finemente
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • la scorza grattugiata di un'arancia
  • i semi di una bacca di vaniglia
  • 30 ml di rum bianco (la ricetta prevedeva Cointreau, ma non ce l'avevo)
  • 1 pizzico di sale dolce di Cervia 

Preparazione

Tagliare la zucca a dadini piccoli ed inserirla nel mixer con l'olio ed il latte. Frullarla fino a ridurla in purea. Separare in 2 ciotole diverse albumi e tuorli. Montare i tuorli con lo zucchero, finchè non saranno diventati bianchi e spumosi. Unire la purea di zucca, il rum, la scorza grattugiata dell'arancia ed il sale con le fruste elettriche. A mano aggiungere farina e lievito setacciati insieme e le mandorle tritate. Incorporare delicatamente gli albumi montati a neve ferma con movimenti dal basso verso l'alto. Versare il composto in uno stampo a ciambella diametro 26 cm o in uno rotondo pieno da 24 cm, imburrato ed infarinato e cuocere per 50 minuti a 170°. Fare la prova dello stecchino. Sfornare e lasciare la torta nello stampo per allmeno 20 minuti. Sformarla e lasciarla raffreddare completamente su una gratella. Trasferirla nel piatto di servizio polverizzando la superficie di zucchero a velo.


A seguire le mie ricette con la zucca:

4 commenti:

  1. Credo che questa torta di zucca sia molto simile a quella fatta da mia figlia che ho mangiato proprio ieri. C'erano le mandorle tritate e c'era la scorza ed il succo d'arancia. Era buonissima, come la tua suppongo! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andrea, non ho inventato nulla, ma la vidi lo scorso anno e poi non avevo avuto il tempo di provarla; è davvero buonissima!!!

      Elimina
  2. Deliziosa! Io amo molto le torte da credenza soprattutto quelle tradizionali. Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa torta con la zucca cruda è sofficissima, resta umida e molto gustosa!

      Elimina