venerdì 12 settembre 2014

Spaghetti alla "Baronessa" ... a modo mio!!!

Quest'anno la cosa più bella di tutte le vacanze è stata la gita all'isola del Giglio!!! Infatti ci sono finalmente tornata, adesso che la Concordia è stata rimossa!!!
Da quando ero piccola, tutti gli anni vado al Giglio, anche per un giorno solo, ma adoro quest'isola, il suo mare, i suoi scorci e non posso fare a meno di andarci... ovviamente fino al 13 gennaio 2012 ... dopo la tragedia, non ho voluto vedere con i miei occhi lo scempio generato da quel mostro.
Quindi questa estate sono tornata ... e solo allora mi sono resa conto di quanto mi era mancata !!!
Sono andata con alcune amiche che non conoscevano l'isola e le ho portate in alcuni posti bellissimi... e a pranzo alla Trattoria "Da Ruggero", dove vado da quando ero bambina ... infatti oggi deve essere gestita addirittura dai nipoti del fondatore ... ma ci si mangia sempre bene ... semplice e saporito ... pesce sempre fresco ...
Ma nel mio cuore, "Da Ruggero", è il posto dove si mangia la "Baronessa", il loro piatto più famoso e che faccio spesso anche a casa ... un piatto semplice e veloce che non mi stanca mai ... pronto in pochi minuti !!!
Naturalmente visto che lo faccio da tantissimi anni, ci sono le mie piccole modifiche...



Ingredienti per 4 persone:
  • 320 g di spaghetti
  • 16 pomodorini ciliegini
  • 80 g di tonno sott’olio sgocciolato o tonno al naturale (per chi è a dieta)
  • 1 ciuffo di basilico
  • Peperoncino
  • Olio extra vergine di oliva
  • 1 cipollotto (la ricetta originale non lo prevede)
  • maggiorana che non trovo mai e quindi non ce la metto

Preparazione:
Cuocere gli spaghetti al dente e condirli con tutti gli ingredienti a crudo.
Tagliare in 4 i pomodorini, spezzare il basilico con le mani, spezzettare grossolanamente il tonno, affettare il cipollotto e mescolare tutti gli ingredienti freddi alla pasta calda e servire subito.

  

4 commenti:

  1. Eccomi tornato a Roma dove vedo tante tue nuove ricette. Mai sentito parlare di spaghetti alla baronessa, ma devono essere buonissimi. Io magari eviterei di metterci il cipollotto (con le cipolle vado poco d'accordo), però ho tanta maggiorana in un vaso e ne userei in abbondanza. Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentornato Andrea, questa è una ricetta facilissima ed è buonissima in tutte le versioni!!! Magari ne farai una tutta tua!!! Un abbraccio!!! :)

      Elimina
  2. Ciao chi scrive è un gigliese della lombardia confermo tutto ciò che hai scritto e in questo periodo è un piatto frequente che faccio, credo che la proverò col cipollotto grazie. Un saluto e w la mia isola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie mille dell'aggiornamento! E' sempre un po' complicato raccontare i piatti della nostra infanzia, sono felice di non aver scritto cose strampalate sull'onda del ricordo! Assolutamente w il Giglio!

      Elimina