venerdì 31 maggio 2013

Quiche Lorraine basic

Come sapete sono ancora in ospedale, (questi sono post scritti in anticipo) e per facilitare le operazioni culinarie dei miei figli, posterò questa ricetta facile facile ... uno dei piatti preferiti da mio figlio Niccolò.
Dato che nei giorni scorsi abbiamo parlato di ciò che potevano prepararsi da soli ... ho suggerito questa torta salata capolavoro della cucina francese!
Naturalmente hanno subito aderito ... ma quando ho detto che c'era già sul blog la ricetta della  quiche Lorraine ai carciofi e se volevano quella neutra bastava omettere i carciofi, hanno storto la bocca ... troppo difficile ??? No era solo una pappa non scodellata !!!
Allora scodelliamo la pappa ai figli ... e a chi ne ha bisogno!!!
A dire la verità la quiche Lorraine  sarebbe con pancetta e formaggio al suo interno, ma ai miei figli piace così, basic, oppure con le verdure.


Ingredienti:

  • 230 g. di pasta sfoglia (1 rotolo stesa rotonda ... se la tortiera è rotonda)
  • 4 uova
  • 100 g di robiola o Philadelphia, o panna da cucina
  • 2 cucchiai di parmigiano (facoltativo)
  • Sale
  • Pepe

Preparazione:
Accendere il forno a 220°.
Stendere la pasta sfoglia con la carta forno che l’avvolge sulla tortiera (24/25 cm di diametro) formando un bordo abbastanza alto.
Versare all’interno un impasto di uova sbattute con la panna, il parmigiano (eventuale) il sale, il pepe .
Ripiegare il bordo di pasta sfoglia che avanza sopra all'impasto ed infornare in forno preriscaldato a 220° per 30 minuti o finché la superficie non risulta dorata.

 

mercoledì 29 maggio 2013

Muffin con le mele e l'olio di oliva

Un dolcino facile facile per la colazione ... per la scuola!!! Questo l'ha fatto mia figlia Margherita, che per  avere 15 anni ha una bella manualità ed adora fare i dolci, ma è davvero facile da fare (come tutti i muffin).
Il vantaggio dei muffin rispetto ad una torta è che sono già in porzioni, e anche per portarli a scuola ecc, sono molto comodi, poi durano alcuni giorni conservati in un contenitore con chiusura ermetica e così c'è anche la merenda garantita.
Non so per quale motivo tutti i ragazzi li adorano ... io invece li ho associati per anni a quelle schifezze che si trovano all'autogrill e non mi sono provata neanche a farli a casa.
Poi un giorno li ho fatti per accontentare i ragazzi e mi sono davvero piaciuti.
Così ogni tanto li faccio ... in varie versioni ... e questi con le mele sono tra i miei preferiti.


Ingredienti per 12 muffin:

  • 110 g di zucchero
  • 150 g di farina 00
  • 1 bustina di lievito  per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiai di marmellata di albicocche
  • 2 uova
  • 40 ml di olio di oliva
  • 80 ml di latte
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 mela
  • Succo di 1/2 limone


Preparazione:
Tagliare la mela a cubetti e irrorarla con il succo di limone per evitare che annerisca. Preriscaldare il forno a 180°, intanto in una ciotola mischiare gli ingredienti secchi (zucchero, farina, lievito, sale, vaniglia) e in un’altra quelli liquidi (uova, olio, latte, marmellata).
Poi versare i liquidi nei solidi (un po’ alla volta), mescolando con un cucchiaio di legno o una spatola in plastica, ed infine aggiungere la mela.
Inserire i pirottini di carta nella teglia da muffin ed infornare a forno caldo per 45/50 minuti.







lunedì 27 maggio 2013

Torta al cioccolato e birra rossa artigianale con copertura di crema cheese cake

Sabato ho fatto questa torta !!!! Ultimo peccato, perché da domenica dieta, farmaci e oggi intervento chirurgico!!!
Non preoccupatevi, è un intervento programmato e non dovrebbe essere grave ( qui lo scongiuro con tanto di gestaccio ... è d'obbligo!!!).
Ho programmato un sacco di ricette per questo periodo, ma vorrei scusarmi fin da ora perché non risponderò ai messaggi finché non starò meglio.
Dunque per il saluto a tutti i miei lettori, vi lascio questa torta.
Un mio amico ha aperto un birrificio artigianale, da qui l'idea di realizzare alcune cene per promuovere la sua nuova attività.
Naturalmente saranno cene dove berremo birra, ma mangeremo anche piatti cucinati con proprio con le stesse birre!
La ricetta l'ho trovata su Giallo Zafferano e la Peronaci l'ha fatta con una birra industriale , quindi ho pensato di rifarla usando la rossa del birrificio Arribal la Ruppel.
Ne è venuta fuori una torta morbidissima, con un leggero retrogusto che contrasta piacevolmente con la copertura di crema cheese cake, spatolata sopra.
La crema la fa anche assomigliare ad un boccale di birra con la schiuma.



Ingredienti:

Per la torta:
  • 225 g di burro
  • 350 g di zucchero grezzo di canna
  • 4 uova
  • 225 g di farina
  • 100 g di cacao amaro
  • 400 ml di birra rossa Ruppel Arribal
  • 1 bustina di lievito per dolci

Per la copertura:
  • 200 g di mascarpone
  • 200 g di Philadelphia
  • 125 g di zucchero a velo (ridotto alla metà rispetto alla ricetta, ma lo ridurrei ancora un pochino)





Ho usato questa : Ruppel Arribal 
Preparazione:
Per la torta:
Preriscaldare il forno a 180°.
In un ciotola lavorare accuratamente con lo sbattitore elettrico il burro morbido a temperatura ambiente e lo zucchero di canna, finché non sono ridotti in crema.
Unire quindi 1 uovo alla volta. Non unire il seguente se il precedente non è incorporato bene al composto.
Setacciare in una ciotola la farina, il lievito ed il cacao amaro.
Aggiungere al composto di burro un cucchiaio di polveri alla volta, fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Unire quindi la birra a filo, continuando a sbattere con le fruste elettriche.
Imburrare una tortiera con cerniera apribile del diametro di 26 cm, rivestirla di carta forno (ritagliando un cerchio per il fondo e le strisce per il bordo).
Versare ora l’impasto nello stampo, livellare ed infornare per 1 ora e 10 minuti.
Trascorso il tempo (fare la prova dello stecchino), togliere la torta dal forno e lasciarla raffreddare.
Sformarla quando è fredda.



                                                    appena uscita dallo stampo


Per la copertura:
Con le fruste elettriche lavorare accuratamente mascarpone, zucchero a velo e Philadelphia, finché non diventano una crema morbida.
Spalmare la crema sulla torta, formando dei ciuffi come la schiuma della birra.

La torta si conserva in frigo per 3 giorni... (se non la mangiate tutta prima!)

una fetta ... buonissima!!!

domenica 26 maggio 2013

Pizzoccheri al forno

Il freddo continua, questa primavera proprio non ne vuol sapere di arrivare ... 
Così cucino cose che riscaldano, accendo il forno ... e quando guardo dalla finestra della mia cucina penso che siamo a marzo, non a fine maggio!!!
Quindi oggi un classico invernale: i pizzoccheri, la famosissima pasta tradizionale della Valtellina realizzata con il grano saraceno.
La ricetta valtellinese li vede conditi con verza, patate e taleggio in abbondanza.
Diventano un piatto grandioso, adatto alla freddo e alla vita di montagna.
Adesso però siamo comunque in primavera (anche se non sembra!!) e sarebbero un po’ pesanti, con un condimento così.
Allora ve li propongo in questo modo più leggero e diventano un piatto molto molto gustoso e diverso dal solito.


Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di pizzoccheri di pasta secca
  • Olio extra vergine di oliva
  • 1 mazzetto di salvia
  • 1 aglietto fresco oppure 5 spicchi di aglio secco
  • 150 g di parmigiano grattugiato

Preparazione:
Preriscaldare il forno a 200°.
Mettere  a bollire una pentola di acqua, quando bolle, salare e cuocere i pizzoccheri.
Intanto in una padella con l’olio extra vergine di oliva, soffriggere l’aglio e la salvia (molto abbondante).
Appena i pizzoccheri sono cotti, scolarli e saltarli in padella con il soffritto.
Quando sono insaporiti, trasferirli in una pirofila da forno cosparsi di Parmigiano grattugiato.
Infornare in forno caldo per 15 minuti o fintanto non si è formata la crosticina.

sabato 25 maggio 2013

Ossobuco alla Milanese con la ricetta di Pellegrino Artusi

Da”La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene” di Pellegrino Artusi - 1891
Questo è un piatto che bisogna lasciarlo fare ai Milanesi, essendo una specialità della cucina lombarda. Intendo quindi descriverlo senza pretensione alcuna, nel timore di essere canzonato.
E’ l’osso buco un pezzo d’osso muscoloso e bucato dell’estremità della coscia o della spalla della vitella di latte, il quale si cuoce in umido in modo che riesca delicato e gustoso.
Mettetene al fuoco tanti pezzi, quante sono le persone che dovranno mangiarlo, sopra ad un battuto crudo di e tritato di cipolla, sedano, carota e un pezzo di burro; conditelo con sale e pepe.
Quando avrà preso sapore aggiungete un altro pezzetto di burro intriso nella farina per dargli colore e per legare il sugo e tiratelo a cottura con acqua e sugo di pomodoro o conserva.
Il sugo passatelo, digrassatelo e rimesso sul fuoco, dategli odore con la buccia di limone tagliata a pezzettini, unendovi un pizzico di prezzemolo tritato prima di levarlo dal fuoco.




Testo tratto da www.blogdicucina.it
Qui è possibile scaricare gratuitamente tutto il testo delle 790 ricette!

Ormai lo sapete, proprio non ce la faccio ad essere ubbidiente alle ricette.
Lo so che per fare le ricette milanesi ci vuole il burro, ma non ce la faccio!!! Appena vedo un soffritto, l'olio extravergine toscano è già lì pronto per essere usato!!!
Pertanto, questa è la mia versione"toscanizzata".

 Rivista da me:
Ingredienti per 4 persone:

  • 4 ossibuchi
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 1 cipolla
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale
  • Pepe appena macinato
  • Un cucchiaio di farina
  • Passata di pomodoro
  • Un pezzetto di buccia di limone
  • Una piccola noce di burro
  • Un mazzettino piccolo di prezzemolo
  • ½ spicchio di aglio o un pezzettino di aglietto fresco

Preparazione:
Tritare finemente sedano, carota e cipolla.
In una capiente padella che possa contenere perfettamente distesi gli ossibuchi, unire olio extra vergine di oliva e verdure tritate e far soffriggere un minuto appena.
Intanto tagliere agli ossibuchi la pellicina che li avvolge (se questa operazione non viene fatta gli ossibuchi si arricceranno e non cuoceranno in modo uniforme) e sistemarli sopra alle verdure a fiamma bassissima, facendo insaporire sopra e sotto e aggiustando di sale e pepe.
A questo punto la carne rilascerà i suoi liquidi. Continuare la cottura a padella coperta fin quando non si sono asciugati.
A questo punto unire la farina mescolando bene (aiutarsi con un filo di acqua bollente).
Si formerà una cremina. A questo punto unire un po’ di passata di pomodoro allungata in acqua bollente e si porta a cottura, avendo cura di aggiungere acqua e passata a piccole dosi ogni qualvolta il sugo si asciuga.
A cottura ultimata, preparare un trito  di prezzemolo e aglio, amalgamarlo bene con il burro e sistemarlo a pezzettini sulla carne.

A gusto personale il sugo può essere passato o lasciato più rustico con i pezzettini di soffritto.

Nota: l'ossobuco acquistatelo di vitello ... è più tenero  e la cottura va dai 45 ai 60 minuti.
          Se utilizzate quello di vitellone o di manzo occorrono 2 ore abbondanti!!!

venerdì 24 maggio 2013

Mini cheese cake con topping trigusto

Questi bicchierini, nati "a veglia" per placare una voglia improvvisa di dolce, stanno diventando un must di molte cene che ho organizzato ultimamente.
Sono minuscole cheese cake che si preparano in pochi minuti, arricchite con diversi tipi di topping.
Se il dolce viene servito a buffet, si possono già preparare in vari gusti, o lasciare le salse a parte e i bicchierini neutri per un self service souce! 
Molti assaggeranno tutte le salse con un unico bicchierino di crema!!! Queste sono state fatte di corsa e sono già carine, ma livellando meglio i biscotti, sono fantastiche!!!
Fatene tante ... vanno a ruba. 
Naturalmente i topping classici tipo quello al cioccolato (cioccolato fondente sciolto a bagnomaria o nel micro-onde allungato leggermente con panna liquida), oppure fatti con altri tipi di frutta (ad esempio arance, pesche, fichi, realizzati come questi descritti) vanno tutti bene!!!! 
Scatenate la fantasia!!!


Ingredienti per 6 bicchierini da vodka:
Per la cheese cake:
·         100 g di biscotti McVitie's Digestive Ai Fiocchi d'Avena
·         40 g di burro
·         60 g di zucchero
·         1/2 bacca di vaniglia
·         125 g di mascarpone
·         125 g di Philadelphia

Per il topping alla fragola:
·         1 cucchiaio di zucchero  
·         7/8 fragole mature

Per il topping alla ciliegia:
·         1 cucchiaio di zucchero  
·         7/8 ciliegie mature

Per il topping al Vinsanto:
·         1 bicchiere di Vinsanto
·         1/2 cucchiaino di maizena



Preparazione:

Per la cheese cake:
Amalgamare nel mixer i biscotti con il burro tenuto a temperatura ambiente, fino a formare un impasto omogeneo. Ricoprire il fondo di 6 bicchierini con il composto, livellarlo,  pressarlo bene quindi metterlo in frigo per un’oretta a riposare. Amalgamare nel mixer il mascarpone, il Philadelphia, lo zucchero ed i semi di mezza bacca di vaniglia. Stendere il composto sulla base di biscotti, livellarlo bene e rimetterlo in frigo almeno mezz’ora.

Per il topping alla fragola:
In un pentolino sul fuoco, far bollire le fragole lavate e tagliate a pezzetti con lo zucchero, fintanto non si forma lo sciroppo.
Frullare il tutto con il frullatore ad immersione e lasciar raffreddare.

Per il topping alla ciliegia:
In un pentolino sul fuoco, far bollire le ciliegie lavate, denocciolate e tagliate a    pezzetti con lo zucchero, fintanto non si forma lo sciroppo.Frullare il tutto con il frullatore ad immersione e lasciar raffreddare.

Per il topping al Vinsanto:
Versare il Vinsanto in un pentolino sul fuoco e far bollire.
In un bicchierino a parte, diluire la maizena con un goccino di Vinsanto e versare il composto nel liquido in ebollizione.
Far bollire mescolando bene, finché non diventa un composto fluido come il miele.
Far raffreddare.

Per il montaggio dei bicchierini:
Versare i topping sopra alla crema Cheese cake, scegliendo quello che piace di più.


giovedì 23 maggio 2013

Trenette con i pomodorini confit e tripudio di capperi

Vi avevo promesso alcune ricette con i pomodorini confit preparati martedì (qui tutte le spiegazioni).
Oggi, vi posto questa, perché ho voglia di assaporare il gusto dell’estate, del sole e del mare … 
Con questo piatto è possibile!!!
A volte vorrei che il web fosse in grado di trasportare non solo suoni ed immagini, ma anche gli odori, che in cucina sono fondamentali !!!  Per questo piatto, il profumo fa davvero la differenza !!! 
Si sente l'estate, si assapora il sole ... e con questa stranissima primavera, mi è piaciuto regalarvi un piatto così evocativo della bella stagione!!! 
Come al solito l'eccellenza degli ingredienti, (pasta Chelucci, origano, capperi sotto sale, in polvere e croccanti del La Nicchia di Pantelleria) contribuisce notevolmente alla riuscita del tutto.
Il tripudio di capperi, è dato dalle 3 consistenze diverse del cappero:1) in polvere, con cui sono aromatizzati i pomodorini confit 2) sotto sale, per dare sapidità e morbidezza 3) croccanti, per avere una nota di insolita croccantezza. 
Come già avevo affermato nel post dei pomodorini confit, questa cottura si presta ad innumerevoli varianti a seconda degli aromi ... e qui il cappero è protagonista! 

Ingredienti per 4 persone:
  • 400 g di linguine  Pastificio Chelucci
  • 15 pomodorini divisi a metà (per una pirofila di 22 cm)
  • 1  aglietto fresco intero
  • Polvere di capperi La Nicchia
  • Origano  La Nicchia
  • Zucchero (circa 1 cucchiaio)
  • Basilico
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale
  • Pepe macinato al momento
  • 1 acciuga sotto sale (o filetti di acciuga)
  • 1 manciata di capperi sotto sale La Nicchia
  • Un cucchiaio di capperi croccanti  La Nicchia
  • Alcune foglie di basilico per decorare

Procedimento:
Lavare accuratamente i pomodorini e dividerli in 2.
Adagiarli in una pirofila da forno con il taglio in alto e condirli con sale, pepe, zucchero, origano, polvere di capperi (poca, perché il sapore è molto presente!), basilico, olio extra vergine di oliva e aglio fresco a fettine.
Infornare a 100° per 3 ore.
A cottura ultimata dei pomodorini, cuocere le linguine in abbondante acqua salata.
Intanto pulire l’ acciuga dalle lische ed inserire i filetti in una padella con olio extra vergine di oliva ed un pezzettino di aglietto fresco a fettine.
Far cuocere finché l’acciuga non si è completamente sciolta.
A questo punto unire i pomodorini, con tutto il loro sughetto, i capperi accuratamente dissalati in acqua corrente, la pasta e saltare il tutto.
Impiattare decorando il piatto con i pomodorini, 2 foglie di basilico,i capperi ed i capperi croccanti.


mercoledì 22 maggio 2013

Bavarese ai 3 cioccolati di Luca Montersino con le rose brinate

Ancora lui Montersino il "Maestro" della pasticceria!!! Questa bavarese l'ho fatta già 3 volte in meno di 2 mesi e viene regolarmente spazzolata alla velocità della luce!!!
Non è troppo dolce, è morbida al punto giusto, buonissima!!!
L'ho fatta con la pasta biscotto gluten free (che ho postato qui) o con la mia pasta biscotto al cacao, questa è più morbida la mia è più consistente (decidete secondo i vostri gusti).
La ricetta originale prevede un topping al cioccolato fondente, ma qui volevo mettere le rose perché l'ho fatta per il pranzo a sorpresa dei 70 anni della mia mamma e quel giorno era anche la festa della mamma ... le rose le ho preferite alla glassa.
Le rose brinate le ho postate qui alcuni giorni fa.


Ingredienti per uno stampo rotondo da 24 cm:
Per la pasta biscotto al cacao (gluten free)

  • 180 g di albumi
  • 120 g di tuorli
  • 55 g di cacao amaro in polvere
  • 190 g di zucchero semolato

Per la bavarese:
  • 400 g di latte intero fresco
  • 75 g di zucchero semolato
  • 225 g di tuorli
  • 8 g di gelatina in fogli
  • 125 g di cioccolato fondente al 75% di cacao
  • 125 g di cioccolato al latte
  • 125 g di cioccolato bianco
  • 750 g di panna (al 35% di grasso)

Per le rose brinate:
  • 3 rose
  • 1 albume
  • Zucchero semolato

Preparazione:
Per la pasta biscotto al cacao (gluten free)
Montare gli albumi con lo zucchero. Unire a mano i tuorli liquidi ed infine il cacao setacciato.
Versare l’impasto in una teglia da forno, ricoperta di carta forno ed infornare a forno caldo a 190° per circa 10 minuti.
Una volta cotto, sfornarlo e lasciarlo raffreddare.

Per le 3 bavaresi:
Portare a bollore il latte.
Nel frattempo sbattere i tuorli con lo zucchero. Unire il latte bollente e mettere sul fuoco mescolando accuratamente fino ad arrivare alla temperatura di 85°.
Ammollare intanto la colla di pesce in acqua fredda per 10 minuti.
Togliere il composto dal fuoco ed unire la gelatina ben strizzata.
La crema inglese è pronta.
Dividerla adesso in 3 parti uguali e aggiungere in ogni impasto un cioccolato diverso a pezzettini piccoli.
Scaldare ogni crema fino a 30° senza mescolare.
Aggiungere ad ogni impasto la panna semi montata e lasciare da parte.

Per le rose :  vedere qui

Per il montaggio:
Mettere sul fondo di uno stampo apribile da 24 cm di diametro, uno strato di pasta biscotto al cacao, ritagliato a 22 cm.
Versare sopra la bavarese al cioccolato fondente e raffreddiamo in freezer per 20 minuti.
Versare poi la bavarese al cioccolato al latte, su quella fondente raffreddata, e passare in freezer per 20 minuti.
Versare poi la bavarese al cioccolato bianco, su quella al latte raffreddata, e passare in freezer per 20 minuti.
Togliere dal freezer la torta, sformarla e decorarla con le rose.


martedì 21 maggio 2013

Pomodorini confit

Una delle ricette che faccio continuamente , con usi molteplici e diverse varianti.
I pomodorini confit, sono ciliegini caramellati, cotti con zucchero, olio, erbe aromatiche, sale e pepe, in forno a bassa temperatura per un tempo piuttosto lungo finché non sono appassiti.
Si usano per condire la pasta, per fare un contorno per la carne, una bruschetta o dentro ad un panino ... nei prossimi post troverete alcune ricette.
Il termine "confit" viene dal verbo francese "confire" e vuol dire preservare, conservare e si usa per indicare cotture lunghe a bassa temperatura con zucchero o aceto,  di frutta e verdura. 
Questa è la ricetta di base che ognuno può arricchire o modificare come crede.



Ingredienti:
  • 15 pomodorini divisi a metà (per una pirofila di 22 cm
  • 1 spicchio d’aglio a fettine sottili
  • Origano La Nicchia
  • zucchero
  • Basilico
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale
  • Pepe macinato al momento
 Procedimento:
Lavare accuratamente i pomodorini e dividerli in 2.
Adagiarli in una pirofila da forno con il taglio in alto e condirli con sale, pepe, zucchero, origano, basilico, olio extra vergine di oliva e aglio fresco a fettine.
Infornare a 100° per 3 ore.


lunedì 20 maggio 2013

Roselline alle mele con tutorial

Maggio è il mese delle rose, allora ho pensato di farle anche di pasta sfoglia ... farcite con la mela ... Sono facili da fare, veloci ed adatte a moltissime occasioni, colazione, merenda o anche per un buffet!!!
Ho già presentato qui le roselline di pastasfoglia in versione salata, mentre in questo post troverete la versione dolce, farcita con le mele.
Mi piace fare questi dolcini ... forse perché nella loro realizzazione c'è il gioco della modellazione della pasta ... ritorno piccina, mi rilasso, mi diverto ... e poi quando escono dal  forno sono croccanti e profumate ... buonissime!!!!





Ingredienti:
·         1 mela Deliziosa
·         1 rotolo di pasta sfoglia da 230 g
·         Zucchero di canna

Preparazione :
Srotolare la pasta sfoglia rotonda.
Tagliare 2 cerchi concentrici di circa 4 cm e poi dei settori di cerchio.


Tagliare la mela, ben lavata, con la buccia a fette sottilissime e adagiarle sul settore di sfoglia , facendole sbordare leggermente. 


Ripiegare la pasta sfoglia sulle fettine di mela.


Arrotolare ora la striscia su se stessa



ed ecco, formata la rosellina.


Prima di infornarle passare la rosellina, dalla parte della mela, nello zucchero di canna.


Infornare a forno caldo 200° per circa 15 minuti o finché saranno dorate.