mercoledì 9 gennaio 2013

Calamaro con purè al nero

Nel post festività, continuo con piatti più leggeri. Qui, il calamaro ed il purè nero. Chi segue questo blog, ormai sa quanto mi intrighi il colore in cucina: il contrasto tra bianco e nero poi mi affascina proprio. Questo piatto, mi piace tantissimo da vedere, ancor prima di assaggiarlo, ma garantisco che il sapore non è da meno.
In realtà doveva essere una seppia con il purè al suo nero, ma io acquisto solo pesce fresco, pescato (non allevato) nei nostri mari. Quindi se la seppia non è stata pescata, preferisco mangiare una cosa diversa: ad esempio un calamaro. Questo piatto appartiene ancora ai piatti delle festività natalizie.(qui tutte le ricette)


Ingredienti per 12 persone:
Per i calamari:
  • 12 piccoli calamari (o come in questo caso 9 un po' più grossi!)
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale
  • Pepe
  • 2 spicchi di aglio

Per il purè:
  • 6 piccole patate
  • 1 sacca di nero di seppia oppure 1 bustina di nero di seppia
  • Olio extra vergine di oliva
  • sale
  • pepe
  • 1 filo di olio aromatizzato "dolcemente piccante" (ricetta)

Preparazione:
Per i calamari:
Per prima cosa pulire i calamari, sciacquarli sotto l'acqua corrente e poi con le mani staccare la testa dal mantello e metterla da parte. Dopo aver estratto la testa, cercare la cartilagine trasparente che si trova nel mantello ed estrarla. Lavare di nuovo il calamaro e togliere le interiora dal mantello. Estrarre la sacca dell'inchiostro dalla cavità del mantello e conservarla. Eliminare la pelle esterna, incidendo con un coltellino la parte finale del mantello, quel tanto che basta per prendere un lembo della pelle e tirare via il rivestimento. Rimuovere le pinne ed utilizzarle per altre preparazioni. Riprendere la testa messa da parte e separarla dai tentacoli incidendo con un coltellino sotto gli occhi. rendere i tentacoli ed eliminare il dente centrale in questo modo: aprire i tentacoli verso l'esterno con le mani e spingere in alto la parte centrale (la bocca).
Se il calamaro è grande, estrarre solo gli occhi, senza separare la testa dai tentacoli. A questo punto tirare via la pelle dai tentacoli e sciacquare tutto sotto l'acqua corrente.Tritare finemente uno spicchio d’aglio ed imbiondirlo in olio extra vergine d’oliva. Aggiungere i calamari e cuocerli un paio di minuti per parte.Tagliarli in due o tre pezzi  e tenerli in caldo.

Per il purè:
Pulire accuratamente le patate, spazzolare la buccia e lessarle.
Una volta cotte, pelarle, schiacciarle con lo schiacciapatate.
In una casseruola unire le patate con l’olio il sale ed un po’ di acqua di cottura, far cuocere alcuni minuti, aggiungere il nero.
Distribuire il purè nero sul piatto di portata ed adagiare sopra il calamaro a pezzetti irrorato con il suo sughetto ed un filo di olio aromatizzato.




6 commenti:

  1. Il purè nero non l'ho mai provato ma assieme al calamaro, penso che ci stia proprio bene.
    Ciao.

    pastaenonsolo.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. E' proprio così ...Ciao Giovanna, un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Cara Sabrina, vorrei tanto questi calamari sulla mia pizza al farro. me li presti? :D

    PS: grazie della tua visita e benvenuta! :*

    RispondiElimina
  4. Ciao Michela, spero di rivederti presto!

    RispondiElimina
  5. Ma pensa che idea il puré nero.. da provare:))
    anch'io sono sempre attratta dai colori nel piatto!

    RispondiElimina
  6. Ciao Cinzia, benvenuta! Se lo provi fammi sapere se ti è piaciuto! Un abbraccio!

    RispondiElimina